Fare un Bonifico senza Conto Corrente: Ecco Tutte le Possibilità

Fare un Bonifico senza Conto Corrente: Ecco Tutte le Possibilità

Oggigiorno la maggior parte degli utenti sa bene come fare un bonifico online per inviare dei soldi ad un amico, un parente o, comunque, ad un’altra persona. Tuttavia, per effettuare un’operazione del genere è quasi sempre necessario essere titolari di un conto corrente o possedere un conto bancario.

È anche vero, però, che diversi utenti non hanno un conto corrente, e che quindi non sempre è possibile ricorrere ad un bonifico tradizionale per inviare del denaro. Di conseguenza, sapere come fare un bonifico senza conto corrente potrebbe essere l’unica soluzione per risolvere il problema.

In questa guida vedremo quali sono tutte le soluzioni disponibili per effettuare un bonifico bancario senza possedere un conto, utilizzando contanti, postagiro e altri metodi molto diffusi.

Cos’è un bonifico e come funziona

fare un bonifico

Per chi si chiede cos’è un bonifico, questo non è altro che un’operazione che permette di trasferire denaro da una persona all’altra, senza utilizzare necessariamente i contanti. Si tratta di soluzioni utilizzate per trasferire grandi somme, per inviare denaro a persone lontane, o più semplicemente per erogare lo stipendio ad un dipendente.

In poche parole, quindi, parliamo di un metodo di pagamento elettronico, diffuso ormai in tutto il mondo. Nello specifico, se prima il bonifico era un’operazione limitata ai soli titolari di un conto corrente, ad oggi anche i giovani sanno come fare un bonifico, in quanto esistono carte prepagate con IBAN che non richiedono l’apertura di un conto.

Il funzionamento è molto semplice: basta avere l’IBAN del destinatario, inserirlo nell’apposito campo, confermare l’invio del bonifico e, nel giro di 2-3 giorni lavorativi i fondi arriveranno sulla carta dell’utente.

Per chi si chiede cos’è l’IBAN (International Bank Account Number), questo è semplicemente un codice associato alla carta di credito che indica le coordinate bancarie o postali.

Tramite questo codice, quindi, è possibile inviare e ricevere del denaro sia in Italia che all’estero, godendo quindi un elevato grado di flessibilità, soprattutto perché è presente anche in carte prepagate come la PostePay Evolution, che non richiedono l’apertura di un conto corrente.

Come si fa un bonifico senza conto corrente

Adesso che sappiamo cosa serve per fare un bonifico, cercheremo di capire quali sono le soluzioni da utilizzare per effettuarne uno senza conto corrente.

Nella maggior parte dei casi, come già anticipato sopra, è molto comodo usufruire di una carta prepagata con IBAN in modo da poter inviare grandi somme di denaro anche fuori dall’Italia senza dover maneggiare contanti.

In altri casi, si può ricorrere al postagiro o al bonifico tramite contanti allo sportello, come vedremo fra poco.

Bonifico bancario per cassa

Con il termine bonifico bancario per cassa si intende quell’operazione che vede l’ordinante (colui che invia il denaro) pagare in contanti presso lo sportello bancario. Questo è senz’altro uno dei metodi più semplici per fare un bonifico senza conto corrente.

Difatti, basta presentarsi presso lo sportello di un istituto bancario portando con sé un documento d’identità e il codice fiscale, senza ovviamente dimenticare l’IBAN beneficiario e la somma in contanti da inviare.

Immessi i dati negli appositi campi, viene poi rilasciata una ricevuta che attesta il buon esito del bonifico, all’interno della quale è presente il codice di riferimento dell’operazione (CRO). Il documento può essere quindi inviato al beneficiario come prova dell’avvenuto bonifico.

Bonifico postale in contanti

soldi contanti

Se non ci si vuole recare presso un istituto bancario ma si preferisce la posta, è possibile effettuare un bonifico postale senza conto corrente compilando l’apposito “modulo bonifico postale”.

Questa operazione consente appunto di fare un bonifico in posta senza avere il conto corrente, fornendo semplicemente i dati richiesti e apponendo la propria firma sul modulo.

All’interno del modulo bonifico saranno richiesti:

  • nome, cognome e codice fiscale;
  • IBAN e/o codice BIC/SWIFT del destinatario più somma da inviare;
  • Paese di riferimento e causale (questa consentirà di evitare problemi in caso di controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate).

Una volta compilato il modulo bonifico, basta apporre una firma e comunicare gli stessi dati all’operatore, che effettuerà l’operazione e rilascerà una ricevuta. Nel caso in cui non ci si possa recare all’ufficio postale, l’invio di un bonifico in contanti può essere richiesto anche in tabaccheria.

In alternativa, si può fare un bonifico bancario in posta inviando il denaro ad un conto corrente, anche se non se ne possiede uno.

Bonifico da poste a conto corrente bancario

Poste Italiane

Quando si parla di bonifico postale ci si riferisce alla possibilità di inviare del denaro ad un conto corrente bancario utilizzando un conto BancoPosta o una carta PostePay Evolution, soluzioni emesse da Poste Italiane che permettono di avere flessibilità ad un costo contenuto.

Come per il bonifico in contanti, questa operazione può essere effettuata compilando l’apposito modulo bonifico postale. In alternativa, si possono utilizzare il portale di Home Banking o l’app di PostePay Evolution, soluzioni sicuramente più veloci ed efficienti.

Difatti, basta aprire l’app e selezionare la voce “Bonifico SEPA”. Si aprirà quindi una schermata da compilare in tutte le sue voci, dove saranno richiesti nome, cognome e IBAN del destinatario.

Inoltre, se si tratta di un bonifico estero, sarà richiesto anche il codice BIC/SWIFT, ovvero il codice di identificazione della banca.

Postagiro

Cos’è il postagiro? Molto semplice: si tratta di una soluzione che consente di inviare un bonifico senza IBAN e senza conto corrente bancario, permettendo quindi a chiunque di trasferire del denaro.

In questo caso, l’unico requisito da soddisfare è quello di possedere un conto corrente postale, in quanto il denaro può essere trasferito solamente tra conti postali. In genere l’operazione ha un costo fisso di 0,50€ e permette di inviare fino a ben 15.000€ in un’unica soluzione.

Nello specifico, si tratta di un buon metodo per spostare soldi da un conto BancoPosta ad un altro, in quanto l’accredito avviene il giorno stesso dell’operazione.

Soldi

Per eseguire un bonifico senza IBAN tramite postagiro ci si può recare in posta fornendo nome e cognome di ordinante e beneficiario, l’importo in denaro da inviare, la causale del bonifico e l’IBAN o il numero del conto BancoPosta del ricevente.

Come per il bonifico postale, l’operazione si può anche effettuare tramite app o sito Internet usando il servizio “Postagiro Online”. Inoltre, i Postagiro possono essere effettuati anche fuori dall’Italia, usando il modulo CH20I e indicando l’IBAN del destinatario, con tempi di accredito che vanno dai 2 ai 3 giorni lavorativi e costi compresi tra 2€ e 3,36€ in base al Paese del beneficiario.

A questi importi si aggiungono commissioni dell’1,5% per Paesi europei e del 2% per Paesi Extra-UE.

Bonifico con carta prepagata con IBAN

Oltre alla possibilità di effettuare un bonifico senza conto corrente tramite le soluzioni messe a disposizione dalle poste o tramite contanti, si può trasferire del denaro utilizzando semplicemente una carta prepagata.

In particolare, si può utilizzare una carta prepagata con IBAN che, com’è facile intuire, permette di inviare o ricevere denaro tramite bonifico. La procedura per l’operazione è molto semplice, in quanto nella maggior parte dei casi si può usufruire di un’app dedicata o del portale di Home Banking della società emittente.

Una volta aperta l’apposita sezione, verranno richiesti dati quali l’IBAN, il nome e il cognome del beneficiario. In poche parole, quindi, basta avere una carta prepagata senza conto corrente e con IBAN per trasferire denaro in Italia o all’estero, senza la necessità di soddisfare particolari requisiti reddituali.

Difatti, le migliori carte prepagate sono disponibili anche a canone gratuito, e prevedono delle spese di gestione accessibili a chiunque.

Top 3 delle migliori carte prepagate con IBAN

Ad oggi esistono tantissime soluzioni sul mercato che consentono di effettuare un bonifico senza conto corrente, tra cui le carte prepagate con IBAN. In particolare, negli ultimi anni numerose banche e società emittenti hanno messo a disposizione degli utenti numerose alternative rendendo la scelta sempre più difficile.

Per semplificare il tutto, abbiamo selezionato le 3 migliori carte prepagate con IBAN del 2023, in modo da poterle mettere a confronto e scegliere la più adatta alle proprie esigenze.

Vediamole insieme!

1° – Revolut

Revolut Standard

Circuito: VISA

Canone piano base: GRATIS

Prelievo massimo: 3.500 €/giorno

Limite di spesa: NO (illimitato)

Commissioni prelievo: Gratis per 5 prelievi o 200€/mese; poi 2% (min. 1€ per operazione)

Plafond: 6000€/mese (solo per transazioni con cambio valuta)

Contactless:  ✓

IBAN:  ✓

2°- HYPE

HYPE Start

Circuito: MasterCard

Canone piano base: GRATIS

Prelievo massimo: 1.000 €/giorno

Limite di spesa: 4.990 €/giorno

Commissioni prelievo: gratis fino a 250€; poi 3%

Plafond: 2.500 €

Contactless:

IBAN:

3° – Tinaba

Tinaba Start

Circuito: MasterCard

Canone piano base: GRATIS

Prelievo massimo: 250 €/giorno

Limite di spesa: NO (illimitato)

Contactless: SI

IBAN: SI

Commissioni prelievo: Gratis per i primi 12 prelievi; poi 2€

 

Qual è il modo migliore per fare un bonifico senza conto corrente?

Senza ombra di dubbio il modo migliore per fare un bonifico senza conto corrente è l’uso di una carta prepagata con IBAN. Difatti, si tratta della soluzione più veloce ed economica per trasferire del denaro in Italia o all’estero.

A differenza dei bonifici per cassa o dei bonifici postali in contanti, innanzitutto, non bisogna fare la fila allo sportello, risparmiando tantissimo tempo e fatica. In più, a prescindere dal luogo in cui ci si trova, una carta prepagata con IBAN permette di effettuare un bonifico senza conto corrente a patto che sia presente una connessione Internet.

Ciò consente di eseguire l’operazione comodamente da casa, dal proprio ufficio, dal luogo di lavoro o semplicemente mentre si fa una passeggiata, permettendo di trasferire fondi anche in caso di emergenza.

conto deposito

Questo vale in particolare per le soluzioni abilitate ai bonifici immediati, che con una commissione aggiuntiva permettono di inviare il denaro in un istante, senza dover attendere i classici 2-3 giorni lavorativi.

Chiaramente, la situazione cambia se si hanno a disposizione tanti contanti e si vuole evitare di effettuare una ricarica. In questo caso, la soluzione più conveniente sarebbe quella di recarsi allo sportello ed effettuare direttamente il bonifico, anche se i costi possono essere più alti.

Difatti, la maggior parte delle prepagate con IBAN permette di fare bonifici al costo di 1 o 2€, o addirittura senza alcun costo aggiuntivo, mentre i bonifici postali verso un conto corrente costano solitamente 3,50€.

Come ricevere un bonifico senza conto corrente

Nel caso in cui il proprio intento non sia inviare ma ricevere denaro tramite bonifico senza conto corrente, le soluzioni sono diverse. La soluzione migliore e più conveniente, come per l’invio di un bonifico, è l’uso di una carta prepagata con IBAN.

In alternativa, invece, si possono usare altri due metodi, ovvero:

  • vaglia cambiario;
  • vaglia postale.

Vediamo insieme cosa sono, in modo da capire quale potrebbe essere il metodo più adatto per la propria situazione.

Vaglia cambiario

Il vaglia cambiario rappresenta un titolo di credito, tramite il quale un cliente privato può farsi inviare del denaro senza necessariamente aprire un conto corrente.

Nello specifico, il vaglia cambiario è riferito alle banche, quindi può essere solamente richiesto presso un istituto bancario. In fase di richiesta dovranno essere indicati i dati del beneficiario, ovvero nome, cognome, indirizzo e codice fiscale.

Una volta inviato il vaglia, il beneficiario potrà riscuoterlo in due modi:

  • recandosi in banca e facendo l’accredito sul proprio conto corrente;
  • recandosi in banca e richiedendo un pagamento in contanti.

Come vedremo sotto, invece, il vaglia postale è l’equivalente del vaglia cambiario, ma riferito alle poste.

Vaglia postale

Soldi

Il vaglia postale, conosciuto anche come vaglia ordinario, consente di inviare e ricevere denaro in tutta Italia senza avere un conto corrente postale o bancario. Si può richiedere in qualsiasi ufficio di Poste Italiane o tramite Internet Banking, per un importo massimo di 2.582,28€.

L’operazione è molto semplice, in quanto una volta richiesto, il vaglia viene consegnato entro 6 giorni lavorativi direttamente a casa del beneficiario, che potrà riscuoterlo entro 2 anni dall’emissione.

Una volta ricevuto il vaglia a casa, il beneficiario lo potrà riscuotere in contanti recandosi presso un qualsiasi ufficio di Poste Italiane o, in alternativa, farlo accreditare su un conto corrente.

Per quanto riguarda le commissioni, il vaglia postale costa 12€ se richiesto allo sportello, mentre l’importo si riduce a 2,50€ se richiesto tramite Internet Banking.

Carta prepagata con IBAN

Come già ribadito più volte, la carta prepagata con IBAN è la soluzione più veloce e innovativa per fare un bonifico senza conto corrente. Esistono tantissime carte in commercio tra cui  Hype, Revolut, N26 e PostePay Evolution, ognuna con funzioni e caratteristiche diverse, ma tutte dotate di IBAN per i trasferimenti di denaro e l’accredito dello stipendio.

In questo caso, bisogna individuare le commissioni della carta che ha attirato la propria attenzione, e cercare di capire se il prodotto è abilitato ai bonifici istantanei. In più, è bene avere un’idea di quanti bonifici si effettuano al mese o all’anno, poiché talvolta potrebbe essere più conveniente andare incontro a delle commissioni in cambio di un canone gratuito, piuttosto che pagare un canone alto e non pagare le commissioni.

Conclusioni

Abbiamo visto che è possibile fare un bonifico senza conto corrente ricorrendo a tantissime soluzioni, ognuna più o meno adatta in base alla propria situazione. Difatti, c’è chi preferisce usare i contanti e richiedere l’invio di denaro allo sportello bancario o in posta, e c’è chi preferisce fare tutto online tramite computer o cellulare.

A prescindere dalla soluzione scelta, una buona idea è quella di considerare il rapporto tra costi e tempo richiesto, senza dimenticare che serviranno sempre i dati del beneficiario come nome, cognome, IBAN e Paese di destinazione.

Domande frequenti su come fare un bonifico senza conto corrente

Quanto costa un bonifico senza conto corrente?

Fare un bonifico senza conto corrente ha un costo che varia in base alla modalità scelta. Se richiesto tramite uno sportello bancario o tramite posta può avere un costo che va dai 3,50€ in su, mentre se fatto tramite Home Banking o app costa di solito 1 o 2€.

Qual è il modo migliore per fare un bonifico senza conto corrente?

Non c’è un modo migliore per fare un bonifico senza conto corrente, in quanto tutto varia in base alle proprie preferenze. Ciononostante, il metodo più veloce e immediato è senza dubbio l’invio tramite carte prepagate con IBAN, che hanno costi contenuti e procedure molto semplici.

I bonifici arrivano di sabato?

No. Quando si invia un bonifico, sono richiesti solitamente 2-3 giorni lavorativi, escludendo quindi sabati, domeniche e festivi. La cosa cambia con i bonifici immediati, che arrivano in tempo reale e sono disponibili 7 giorni su 7.

Si può fare un bonifico in contanti in tabaccheria?

Negli ultimi anni sono nate diverse soluzioni che consentono di effettuare un bonifico in contanti presso le tabaccherie abilitate. Basta andare al tabacchino munendosi di nome, cognome, IBAN del destinatario e causale, senza ovviamente dimenticare l’importo in contanti. All’importo andrà aggiunta una commissione che di solito ammonta a 3,50€.

Dove si può fare un bonifico in contanti?

Si può fare un bonifico in contanti presso un istituto bancario, un ufficio postale o una tabaccheria, ricordando di portare tutti i dati necessari e senza dimenticare che vengono applicate delle commissioni aggiuntive.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 23 mag 2023
Link copiato negli appunti