Migliori Carte di Credito a Saldo: Classifica Maggio 2024

Migliori Carte di Credito a Saldo: Classifica Maggio 2024

Michelangelo Ricupati
Pubblicato il 4 lug 2023 - Aggiornato il 13 mag 2024

Le carte di credito a saldo sono molto probabilmente lo strumento più conosciuto dai consumatori italiani, in quanto consentono di effettuare le proprie spese comodamente, saldando il debito nel mese successivo all’acquisto.

Tuttavia, non sempre sono chiari i meccanismi di funzionamento di una carta di credito a saldo e, soprattutto, non tutti sono a conoscenza delle soluzioni a disposizione sul mercato. D’altronde ne esistono tantissime, quindi scegliere quella più conveniente per le proprie esigenze può risultare difficile.

In questa guida, oltre a spiegare cos’è una carta a saldo, si vedrà quali sono le migliori disponibili nel 2024, le loro caratteristiche principali, i vantaggi offerti e alcuni consigli utili su come sceglierne una.

Cosa sono e come funzionano le carte di credito a saldo

Come funziona una carta di credito a saldo? Molto semplice: come suggerisce il termine stesso, il possessore di una carta di questo tipo ha a disposizione un credito, che dovrà poi essere saldato

Nello specifico, la carta a saldo è collegata al conto corrente, e la linea di credito viene fornita dall’istituto finanziario o la banca a seconda degli accordi presi con il consumatore e rispettando determinati requisiti, che possono variare a seconda dell’ente erogatore del conto. Per gli utenti che si chiedono quale sia il significato dell’espressione “a saldo” associata a una carta di credito, quindi, la risposta è semplice: il rimborso delle spese effettuate ogni mese con la carta di credito deve essere effettuato (“saldato”, appunto) in un’unica soluzione.

L’addebito delle spese non è immediato, ma viene effettuato in un’unica soluzione nel mese successivo, o comunque generalmente entro un massimo di 45 giorni. In questo modo, l’utente può prelevare e spendere i propri fondi dilazionando la spesa, senza alcun costo aggiuntivo o interessi da pagare.

Il giorno dell’addebito è solitamente indicato nel contratto, e il saldo della carta di credito si può quasi sempre controllare dal portale di Home Banking o dall’app dedicata, in quanto tantissime banche prevedono ormai delle soluzioni online per risparmiare sui costi dei documenti cartacei.

In genere, gli unici costi da sostenere per la gestione di una carta di credito a saldo sono quelli del canone, delle commissioni per il prelievo o per i pagamenti, e per eventuali servizi aggiuntivi come assicurazioni o servizi premium.

Chiaramente, i costi di gestione possono variare a seconda della banca scelta. Proprio per questo motivo, di seguito è presente una selezione delle migliori carte di credito a saldo del 2024.

Classifica delle migliori carte di credito a saldo 2024

Vista l’ampia gamma di carte di credito a saldo a costo zero, o comunque con bassi costi di gestione, questa selezione è utile per schiarirsi le idee. D’altronde, com’è facile intuire, una scelta accurata può aiutare ad ammortizzare i costi e a rendere la propria esperienza di utilizzo migliore.

Attualmente, le soluzioni migliori sono quelle proposte da Carta You, Fineco, ING, Mediolanum, Sella, Credit Agricole, Revolut, Hype, Unicredit e Intesa San Paolo. Di seguito si vedranno queste carte una ad una, così da avere una panoramica completa.

 

1. Fineco 

Fineco Card Credit

Circuito: MasterCard/Visa

Canone piano base: 19,95 €/anno

Prelievo massimo: 1.000 €/giorno (2.000 €/mese)

Limite di spesa:  da 1.500€ fino a 4.000€ al mese

Commissioni prelievo: 0,80€ su Bancomat (gratis se superiore a 99€); 2,90€ su Visa/MasterCard

Contactless: ✓

IBAN: ✓

La carta di credito a saldo Fineco è pensata per dilazionare i pagamenti in maniera comoda e intuitiva, offrendo al consumatore due versione diverse in base alle varie esigenze: la versione monofunzione e la versione multifunzione.

Nel primo caso, la carta di credito funziona tramite un solo circuito, a scelta tra MasterCard e Visa. La seconda soluzione, invece, consente di usufruire dei circuiti di debito Bancomat/Pagobancomat e dei circuiti di credito Visa e MasterCard.

Per quanto riguarda il saldo della carta di credito, questo può essere effettuato in una sola soluzione o a rate a seconda delle necessità. Nel primo caso, come per le normali carte di credito a saldo, l’addebito è unico, e avviene nel giorno prestabilito dal contratto (il 10 del mese).

Selezionando l’opzione a rate, invece, è possibile pagare una piccola parte del debito sfruttando i servizi PagoFacile e Paga a Rate, così da gestire al meglio le proprie finanze. Per ciò che concerne il canone annuale, questo è di 19,95€, mentre il limite di spesa oscilla tra i 1.500€ e i 4.000€ al mese.

2. Mediolanum 

Mediolanum Credit Card

Circuito: Visa/Mastercard

Canone piano base: gratis per 1 anno (poi 45 €/anno)

Prelievo massimo: 500 €/giorno (1.500 €/mese)

Limite di spesa / plafond: da 1.500 a 3.000 €/mese

Commissioni prelievo: gratis in Italia

Contactless:

IBAN:

Mediolanum è probabilmente una delle banche più conosciute in Italia, e non a caso rientra tra le alternative più gettonate per quanto riguarda le carte di credito a saldo.

La Mediolanum Credit Card, infatti, ha ottenuto ottime recensioni dagli utenti, soprattutto perché si tratta di una soluzione a canone gratuito per il primo anno con tanto di polizza assicurativa sui pagamenti.

Ogni acquisto è accompagnato da una notifica tramite SMS che consente di monitorare qualsiasi spesa in tempo reale. A questa funzione si unisce la tecnologia di riconoscimento facciale, utile per pagamenti contactless e nel caso in cui non si voglia inserire il PIN.

Per quanto riguarda i limiti di spesa, siamo di fronte a una carta a saldo con plafond che partono da €1.500 a seconda degli accordi presi con la banca, e che possono essere saldati in tutta comodità il mese successivo.

Inoltre, accedendo alla funzione Easy Shopping, l’utente può decidere se pagare subito o in comode rate le spese con un importo compreso tra 250€ e 2.400€. I circuiti disponibili, invece, sono MasterCard e Visa, quindi è possibile scegliere quello preferito a seconda delle proprie esigenze, con la possibilità di personalizzare la carta in tre colori diversi.

3. Revolut

Revolut Standard

Circuito: Mastercard

Canone: GRATIS

Prelievo massimo: 3.000 €/giorno

Limite di spesa: NO (illimitato)

Commissioni prelievo: Gratis fino a 5 o 200€/mese; poi 2% (min. 1€ per op.)

Contactless:

IBAN:

La carta di credito Revolut non è una vera e propria carta con modalità a saldo – che consente cioè di pagare il mese successivo, come quelle che abbiamo visto sopra – ma si tratta di un conto online con IBAN molto vantaggioso sotto diversi punti di vista.

La soluzione è disponibile in vari piani, tra cui uno gratuito, e consente di gestire tutte le proprie finanze tramite dispositivi iOS o Android. Una volta aperto il conto, si può richiedere la carta di credito fisica da associare ad esso, con la quale si potranno effettuare spese online e offline.

In più, grazie all’IBAN incluso, è possibile accreditare lo stipendio e, se necessario, addebitare le spese di abbonamenti, utenze e altri servizi simili. Il circuito utilizzato è MasterCard, quindi il prodotto è compatibile con milioni di esercenti in tutto il mondo.

A seconda del piano scelto, inoltre, è possibile avere più funzioni a disposizione, come il cashback sui pagamenti, sconti su bonifici internazionali, assistenza dedicata e coperture assicurative.

4. ING

ING

Circuito: Mastercard

Canone: GRATIS

Prelievo massimo: 600€/giorno

Limite di spesa / Plafond: 1.500€/mese

Commissioni prelievo: 4% con un minimo di 3 €

Contactless: ✓

IBAN: ✓

ING Bank, banca operante ormai dal 1991, mette a disposizione dei propri utenti la carta di credito a saldo MasterCard Gold, che consente di aumentare la flessibilità nella gestione delle proprie spese.

A seconda delle esigenze, infatti, è possibile scegliere di pagare in 3, 6, 9 o 12 mesi acquisti con un importo minimo di 200€. Ogni acquisto può essere cumulato ad altri acquisti, così da ricevere un unico addebito delle spese effettuate il 10 del mese.

Questo sistema prende il nome di PagoFlex, e può essere attivato subito dopo l’acquisto o entro la fine del mese. Una volta attivato, si sceglie la durata e, a seconda di quella scelta, si pagherà un certo ammontare di interessi, a cui si aggiunge la commissione mensile dello 0,50% dell’importo.

Tuttavia, il debito può essere saldato interamente tramite l’apposito pulsante, nel caso in cui si decida di accorciare i tempi. Il tasso applicato, come anticipato, varia a seconda della durata del piano, e si possono effettuare varie simulazioni prima di procedere alla conferma.

La MasterCard Gold di ING ha un canone mensile di 2€, azzerabile con spese di almeno 500€ o con un piano Pagoflex attivo, mentre il rilascio e il rinnovo della carta sono gratuiti. Per quanto riguarda i prelievi, questi hanno una commissione del 4% dell’importo, con un minimo di 3€ per operazione.

5. Crédit Agricole 

Crédit Agricole Nexi Classic

Circuito: MasterCard

Canone: 50€/anno

Prelievo massimo: 250€/giorno

Limite di spesa: nessuno

Commissioni prelievo ATM: 4% (commissione minima 5,16€)

Contactless: ✓

IBAN: ✓

Optando per uno dei conti Crédit Agricole, come il conto Smart e il conto Full, è possibile richiedere in fase di apertura la carta migliore per le proprie esigenze. Tra queste sono disponibili carte di debito e carte di credito, di cui le più gettonate sono le carte di credito a saldo Nexi Classic e Prestige.

Si tratta di carte di credito che consentono di dilazionare le proprie spese, effettuando acquisti online o offline e pagando il 15 del mese successivo. Le opzioni disponibili sono diverse, ed è possibile scegliere tra l’addebito a saldo o a rate a seconda delle necessità. Inoltre, usando la funzione Easy Shopping, si possono cumulare le spese per effettuare una sola transazione, evitando di perdere il conto.

Ogni spesa viene notificata tramite SMS, mentre per gli acquisti online è integrato il sistema di protezione 3DS. Chi opta per Nexi Prestige, inoltre, ha diritto a un plafond più elevato, con tanto di servizi aggiuntivi e assistenza dedicata.

 

6. Hype

Hype Next

Circuito: Mastercard

Canone: 2,90 €/mese

Prelievo massimo: 1.000 €/giorno

Limite di spesa: 50.000 €

Commissioni prelievo ATM: gratis

Plafond: illimitato

Contactless:

IBAN:

Similmente a Revolut, Hype è una carta di credito con IBAN che permette di gestire le proprie spese in maniera intuitiva, ma senza la possibilità di plafond. In poche parole, il credito a disposizione sarà quello che si deposita sulla carta tramite un altro conto.

Avendo l’IBAN, la carta HYPE permette l’accredito dello stipendio. Il vantaggio è che i costi di gestione sono inferiori rispetto a una carta di credito a saldo tradizionale, con la possibilità di optare per soluzioni a canone gratuito. In alternativa, si può optare per soluzioni come Hype Next, che offre prelievi gratuiti e illimitati a un costo di soli 2,90€ al mese.

Per i più esigenti, invece, è disponibile il conto Hype Premium, che con un costo di 9,90€ mensili comprende assistenza prioritaria, assicurazioni sui viaggi e rimborsi su furti e frodi bancarie.

In ogni caso, vista la mancanza di plafond, Hype mette a disposizione la funzione Credit Boost. Questa consente di richiedere fino a 2.000€ e restituirli in tempi compresi tra i 3 e i 12 mesi. In alternativa, si può usare la funzione Prestiti Personali per richiedere fino a ben 25.000€.

7. UniCredit 

UniCreditCard Flexia Classic
4.5

Circuito: MasterCard o Visa

Canone: 43€/anno

Prelievo massimo: 1.500€/giorno

Limite di spesa: da 1.000€ a 5.000€

Commissioni prelievo ATM: 4,75€

Contactless: ✓

IBAN: ✓

Tra le migliori carte di credito a Saldo del 2024 rientra sicuramente la soluzione proposta da Unicredit: la UniCreditCard Flexia Classic. Si tratta di una carta che permette di acquistare online e offline presso negozi in tutto il mondo grazie ai circuiti MasterCard e Visa, selezionabili in fase di richiesta.

Il canone ammonta a 43€ annui, equivalenti a circa 3,50€ al mese, mentre il costo per l’emissione della carta è di 10€ una tantum. Una vola richiesta la UniCreditCard Flexia Classic, si può personalizzare il limite di spesa, che può variare dai 1000€ ai 5000€ mensili.

Anche l’opzione di rimborso spese è personalizzabile, visto che si può optare per la modalità a saldo o rateale a seconda delle varie esigenze. Il tutto è gestibile dall’App Mobile Banking o semplicemente dal portale di Home Banking via web. Inoltre, essendo tutto digitale, la carta si può associare al proprio smartphone in modo da pagare con un solo gesto.

8. Intesa San Paolo

Intesa Sanpaolo Classic Card
4.0

Circuito: MasterCard o Visa

Canone: 60€/anno

Prelievo massimo: 800€/giorno

Limite di spesa: da 500€ a 3.000€

Commissioni prelievo ATM: 4% dell’importo (commissione minima 2,50€)

Contactless: ✓

IBAN: ✓

Tra le più rinomate in Italia, anche Intesa San Paolo propone una delle migliori carte di credito a saldo del 2024: la Intesa Classic Card. Si tratta di una carta di credito con un canone di 5€ mensili che permette di dilazionare le spese pagandole il mese successivo.

Il circuito può essere scelto tra Visa o Mastercard, ed è possibile pagare online o in qualsiasi negozio fisico che espone il logo del circuito selezionato. Una volta aperto il conto, si ha diritto a una carta aggregata con tanto di coperture assicurative incluse, come quella sugli acquisti online e le frodi bancarie.

Per quanto riguarda il plafond previsto, questo può arrivare a un massimo di 3.000€ al mese, e può essere modificato secondo le proprie esigenze specifiche. Una volta utilizzato il plafond, il titolare dovrà rimborsare le spese “a saldo”, ovvero in un’unica soluzione, entro il 15 del mese successivo all’operazione.

Lato funzionalità, come accade con le migliori carte di credito moderne, l’Intesa San Paolo Classic Card consente di gestire tutto tramite app, e di sfruttare la tecnologia contactless per pagare senza PIN spese di importo inferiore ai 25€. In più, collegandola al proprio smartphone, si possono effettuare acquisti fisici anche senza carta.

9. Sella 

Visa Classic Sella

Circuito: Visa

Canone piano base: 1,5 €/mese

Prelievo massimo:  1.000 € al mese/giorno

Limite di spesa / Plafond: 1.300 €/mese

Commissioni di prelievo: gratis da ATM Sella, da altri gratis 4 al mese, poi 2 €

IBAN: ✓

Contactless:

La carta di credito con pagamento a saldo di Banca Sella, la Visa Classic, è stata molto apprezzata dai consumatori sia per il canone annuo abbastanza accessibile sia per la possibilità di scegliere tra più opzioni di rimborso del debito.

Oltre ad avere un canone mensile di appena 3,42€ al mese, infatti, la carta Sella Classic permette di selezionare una delle due opzioni di rimborso: a saldo o revolving. Nel primo caso, come per tutte le carte a saldo, il debito può essere pagato in un’unica soluzione.

Nel secondo caso, si possono rateizzare le spese dilazionandole su un arco temporale più ampio. L’importo massimo del plafond è di 1300€ mensili, che potrebbero non sembrare tanti, ma si tratta comunque di un buon importo per la gestione delle proprie spese quotidiane.

Inoltre, evitando di erogare plafond troppo elevati, è più facile ripagare il debito ed evitare di dover pagare interessi su interessi. Per quanto riguarda la gestione e il monitoraggio del conto, tutto può essere effettuato dalla comoda App Sella, che consente di effettuare tutte le operazioni in maniera intuitiva.

 

10. Carta YOU

Advanzia YOU

Circuito: Mastercard

Canone: GRATIS

Prelievo massimo: NO (nessun limite)

Limite di spesa: comunicato alla firma del contratto

Commissioni prelievo: GRATIS

Plafond: comunicato alla firma del contratto

Contactless:

La Carta YOU di Advanzia Bank è una carta di credito con pagamento a saldo appartenente al circuito Mastercard che non prevede nessun canone mensile o annuale, consentendo al contempo di prelevare ed effettuare pagamenti internazionali senza alcuna commissione.

In poche parole, a differenza di altre carte a saldo, questa è una soluzione completamente gratuita, che offre la possibilità di dilazionare le spese in maniera molto conveniente.

In aggiunta, per chi ama viaggiare o per chi si sposta spesso per motivi di lavoro, è possibile usufruire di un’assicurazione esclusiva in modo da coprire eventuali spese impreviste, nel rispetto del regolamento della banca.

Per quanto riguarda le modalità di addebito, invece, è possibile saldare in un’unica soluzione o frazionare i pagamenti, richiedendo l’addebito fino a un massimo di 7 settimane dalla transazione.

Sono presenti anche ulteriori funzioni aggiuntive, come la possibilità di ricevere un riepilogo mensile delle proprie spese, la facoltà di pagare online o offline tramite tecnologia contactless e la funzione di cambio valuta gratuita.

Ovviamente, Advanzia non si dimentica della sicurezza dei propri utenti, motivo per cui la carta integra l’avanzato sistema MasterCard SecureCode.

Differenza tra revolving e carta di credito a saldo

Molti si chiedono se è meglio scegliere una carta di credito a saldo o rateale (detta anche revolving). La risposta a questa domanda è abbastanza difficile, in quanto tutto dipende dalle esigenze personali, dalle proprie entrate e dalle proprie spese.

La differenza sostanziale, infatti, risiede nelle modalità di rimborso del debito: le carte a saldo richiedono il saldo dell’intero importo in un’unica transazione, mentre le carte di credito revolving permettono di rateizzare l’importo richiesto.

Queste ultime sono sicuramente più versatili, ma è bene considerare che rateizzando tutti i pagamenti si rischia di avere debiti ogni mese, senza mai saldarli del tutto. Inoltre, i tassi di interesse sono più alti delle opzioni a saldo; quindi, bisogna fare bene i conti quando si utilizza il credito a disposizione.

Come richiedere una carta di credito a saldo

carta di credito saldo rate

Le carte di credito a saldo prevedono la richiesta online o presso uno sportello fisico della banca. Le procedure sono molto semplici, e sono solitamente molto simili a quelle per la richiesta di una qualsiasi carta, di debito o di credito che sia.

Basta recarsi sul sito ufficiale della banca, selezionare la tipologia di carta più in linea con le proprie esigenze, e compilare i campi con le informazioni richieste. Può capitare che vengano richiesti dei requisiti minimi per la carta di credito a saldo scelta; quindi, è consigliabile consultare tutto prima di effettuare la sottoscrizione.

Una volta soddisfatti i requisiti minimi per ottenere la carta di credito e compilate tutte le informazioni richieste, si procede solitamente alla verifica d’identità tramite foto o video, e si firma il contratto. Una volta firmato, si attendono in genere 7-15 giorni lavorativi per l’erogazione della carta fisica. 

Come scegliere una carta di credito a saldo

Scegliere una carta di credito a saldo non è per niente facile, soprattutto perché esistono decine e decine di soluzioni valide che possono creare un po’ di confusione. La prima cosa da considerare durante la scelta sono i costi di gestione, ovvero il canone mensile, le commissioni sui prelievi, sui pagamenti, sui bonifici e sul cambio valuta.

Selezionata la miglior carta di credito per costi di gestione, bisogna valutare i tassi d’interesse applicati e la linea di credito disponibile. L’ideale è avere una linea di credito sufficiente per coprire le proprie spese senza che però gli interessi siano troppo elevati.

Inoltre, è bene consultare le funzioni disponibili e i sistemi di sicurezza integrati, come il MasterCard Secure Code, il 3DS e l’autenticazione a due fattori (2FA), cercando di individuare i costi in caso di blocco o sostituzione della carta. Infine, se si viaggia molto, può tornare utile optare per carte a saldo con assicurazioni su viaggi e infortuni.

Vantaggi delle carte di credito a saldo

carta bonus di benvenuto

Le carte di credito a saldo presentano diversi vantaggi rispetto alle carte di debito, soprattutto per coloro che utilizzano strumenti di pagamento elettronico molto spesso, sia nei negozi che per i prelievi di contanti.

A differenza delle carte di debito, che solitamente operano su circuito Bancomat o Maestro, infatti, le carte di credito usufruiscono di circuiti internazionali, e sono quindi accettate da milioni di esercenti in tutto il mondo.

Inoltre, risultano ottime soluzioni per chi ha bisogno di dilazionare le spese o, per esempio, nel caso di acquisti importanti come mobili, computer, elettrodomestici e simili. Ovviamente, è sempre bene monitorare le proprie spese e cercare di non esagerare, così da poter saldare i debiti entro i tempi richiesti.

Conclusioni

Come si è visto, le migliori carte di credito a saldo del 2024 riescono a offrire numerose funzioni a costi abbastanza contenuti, garantendo all’utente flessibilità e sicurezza contemporaneamente.

Come già ribadito, si tratta di ottime soluzioni per chi deve affrontare una grande spesa o per chi ha bisogno di ammortizzare i costi dilazionandoli nel tempo, a patto che si facciano bene i conti e non si sforino i limiti previsti dalla banca.

Domande frequenti sulle carte di credito a saldo

Qual è la migliore carta di credito a saldo?

Non c’è una sola risposta a questa domanda, in quanto la migliore carta di credito a saldo è quella che soddisfa le proprie esigenze a costi ragionevoli. In questo senso, alcune delle migliori soluzioni sono la carta YOU, la carta Fineco e la carta ING.

Come funziona una carta di credito a saldo?

Le carte di credito a saldo permettono di effettuare le proprie spese pagandole il mese successivo in un’unica soluzione, solitamente senza alcun costo aggiuntivo. In genere, l’addebito delle spese viene effettuato entro 45 giorni dal giorno effettivo della transazione.

La banca può rifiutare una carta di credito a saldo?

In alcuni casi sono previsti dei requisiti minimi per una carta di credito a saldo, quindi la banca potrebbe rifiutare la richiesta del cliente. Vengono effettuati dei controlli reddituali, infatti, in modo da capire se il titolare può effettivamente ripagare i debiti o meno. 

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione nel rispetto del codice etico. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Il presente sito e tutti i suoi collaboratori non sono responsabili né devono essere ritenuti responsabili per eventuali perdite o danni commerciali subiti avendo fatto affidamento sulle informazioni contenute su questo sito. I dati contenuti in questo sito non sono necessariamente forniti in tempo reale e non sono necessariamente accurati. Tutti i riferimenti a singoli strumenti finanziari non devono essere intesi come attività di consulenza in materia di investimenti, né come invito all'acquisto dei prodotti o servizi menzionati. Investire comporta il rischio di perdere il proprio capitale. Investi solo se sei consapevole dei rischi che stai correndo. Fineco non si assume alcuna responsabilità per l’accuratezza o la completezza delle informazioni riportate in questo sito. Per ulteriori informazioni su Fineco visita il sito www.finecobank.com

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per dettagli e condizioni, vai su http://www.hype.it/trasparenza e consulta i fogli informativi