Pixpay Carta Prepagata per Minorenni (Recensione 2024)

Pixpay Carta Prepagata per Minorenni (Recensione 2024)

Michelangelo Ricupati
Pubblicato il 5 giu 2024

Pixpay è un’azienda francese nata nel 2019 e presente in Italia dal 2023 che propone una delle migliori carte prepagate per minorenni. Aprendo un conto digitale Pixpay, infatti, si può ottenere una carta prepagata piena di funzionalità utili a costi molto convenienti rispetto alla concorrenza.

La carta è gestita tramite un’app che promuove l’educazione finanziaria di bambini e adolescenti (grazie alla collaborazione dell’azienda con GoHenry) ed è garantita dal partner bancario Treezor.

Per capire cos’è Pixpay e come funziona, abbiamo creato una recensione completa in cui vedremo i costi, le caratteristiche principali e i vantaggi che rendono questa soluzione la preferita dei genitori, con un focus sulla sua affidabilità e facilità d’uso.

Come funziona Pixpay, la carta prepagata per minorenni

Pixpay
4.9

Circuito: Mastercard

Canone piano base: 2,99€/mese

Prelievo massimo: In base alla disponibilità

Limite di spesa: Personalizzabile

Commissioni di Prelievo ATM: 1€ a partire dal 2° con piano Light; 0€ con piano Smart

Contactless: ✓

IBAN: ✓

Pixpay è una carta prepagata per minorenni, che può essere richiesta da un genitore o tutore legale a partire dal compimento dei 10 anni del minore, fa riferimento al circuito Mastercard (quindi accettata in tutto il mondo) e ha un IBAN con cui inviare o ricevere denaro. Pixpay non ha plafond o scoperto per non spendere più del saldo effettivamente disponibile, promuovendo così la corretta pianificazione delle spese. Il saldo è sempre aggiornato e si possono impostare notifiche immediate per essere informati su tutte le transazioni.

Sia il conto digitale che la prepagata Pixpay associata sono gestibili dall’app dedicata, presente in due versioni: una per i genitori e una per i ragazzi. Da qui si possono personalizzare le impostazioni e i limiti di spesa, monitorare saldo e movimenti, ricevere analisi sui flussi di denaro ed effettuare trasferimenti di denaro o ricevere pagamenti tramite l’IBAN dedicato.

L’app ha diverse funzionalità aggiuntive per promuovere l’educazione finanziaria dei più giovani. Strumenti come “Cassaforte”, che premia coloro che mettono da parte dei fondi per incentivare ulteriormente la cultura del risparmio.

A ciò si aggiunge la possibilità di personalizzare il PIN della carta e di attivare le assicurazioni contro il cyber-bullismo e contro la rottura dello schermo dello smartphone.

Quanto ai limiti e alle condizioni di utilizzo, il genitore può gestire fino a 5 carte contemporaneamente tramite l’app, quindi Pixpay risulta ideale anche per chi ha più figli. In caso di genitori separati o divorziati si può scegliere di cogestire la carta.

 

Requisiti

Per ottenere la carta prepagata Pixpay non sono previsti requisiti particolari da soddisfare come accade con alcune carte di credito o di debito, che possono richiedere documentazioni reddituali e analisi della propria storia creditizia.

In questo caso, l’importante è che il minore abbia già compiuto almeno 10 anni di età, e che la richiesta venga effettuata da un genitore o tutore legale. Inoltre, bisogna avere la residenza in Italia (l’azienda può richiedere un documento che lo attesti).

 

Cosa si può fare con la carta


Come già anticipato, la carta Pixpay permette di effettuare numerose operazioni e accedere a strumenti innovativi per una migliore gestione finanziaria da parte dei minori.

Ecco come si può usare la carta:

  1. acquisti online e prelievi illimitati in tutta la zona euro;
  2. IBAN dedicato per ricevere pagamenti, ad esempio a seguito di qualche piccolo lavoro;
  3. tecnologia contactless per pagare senza PIN o direttamente tramite smartphone, collegando un wallet digitale come Apple Pay o Google Pay;
  4. PIN personalizzabile, notifiche in tempo reale e possibilità di bloccare la carta dall’app;
  5. versamento automatico della paghetta, ricariche immediate e cogestione da parte dei genitori.

Completano il tutto funzionalità speciali come la cassaforte e altri strumenti di risparmio.

 

Pixpay: costi e commissioni

Pixpay carta prepagata per minorenni

I costi di Pixpay variano a seconda dell’abbonamento scelto. Il piano Light, da 2,99€ al mese, comprende tutte le funzioni di base, tra cui:

  1. una carta prepagata Mastercard con IBAN dedicato;
  2. aggiornamento del saldo in tempo reale;
  3. programmazione e invio automatico della paghetta;
  4. ricariche immediate con un clic, cogestione del conto e notifiche in tempo reale;
  5. blocco temporaneo della carta da app.

 

Optando per il piano Smart, da 5,99€ al mese, si aggiungono ulteriori funzioni, tra cui:

  1. salvadanaio per i risparmi più wallet progetti per monitorare i progressi;
  2. 6 metodi di risparmio automatico per mettere dei soldi da parte in modo facile e divertente;
  3. funzionalità di educazione finanziaria;
  4. monitoraggio impronta di carbonio;
  5. scelta tra più di 100 design per la carta;
  6. assicurazione schermo rotto e cyber-bullismo.

Quanto alle commissioni per le operazioni, non sono previste spese per i pagamenti, per l’invio della carta, per il rinnovo e per le ricariche.

 

Dall’altro lato, sono previsti i seguenti costi variabili:

  • 1€ per i bonifici SEPA in uscita;
  • 6€ per richiedere la carta in caso di smarrimento;
  • 1€ a partire dal secondo prelievo (solo col piano Light);
  • fino a 30€ all’anno in caso di conto inattivo (abbonamento non pagato da 12 mesi e nessun movimento).

Fuori zona euro, inoltre, si applica una commissione del 2% sui pagamenti e di 2€ sui prelievi.

 

Come si ricarica la carta Pixpay

Ricaricare la carta Pixpay è molto semplice, in quanto l’operazione può essere effettuata comodamente dall’app dedicata. Basta premere l’apposito pulsante “Ricarica” vicino al saldo disponibile e selezionare l’importo desiderato.

Inoltre, si può programmare una ricarica automatica in modo periodico, così da non dover effettuare l’operazione manualmente di volta in volta. Scelto l’importo, bisogna inserire i dati della carta da utilizzare per la ricarica.

In alternativa, basta inviare un bonifico all’IBAN associato alla carta Pixpay, ricordando che alcuni istituti potrebbero applicare delle commissioni.

 

Pixpay funziona all’estero?

Essendo abilitata al circuito Mastercard, la carta Pixpay può essere utilizzata in tutto il mondo senza limitazioni particolari. Bisogna solamente abilitare gli acquisti presso i Paesi esteri direttamente dall’applicazione.

Difatti, l’app consente il blocco e lo sblocco di alcuni canali di pagamento, in modo che il genitore possa avere il pieno controllo sulle spese del minore. Come già anticipato, le operazioni in valuta estera prevedono una commissione del 2% sui pagamenti e una commissione fissa di 2€ per le operazioni di prelievo.

 

Pixpay è affidabile?

Pixpay è un’azienda francese nata nel 2019 e presente in Italia dal 2023. Grazie alla partnership con GoHenry, la società è riuscita a creare un prodotto efficiente e sicuro per promuovere l’educazione finanziaria anche tra gli adolescenti.

In quanto all’affidabilità, Pixpay è senza ombra di dubbio una società su cui poter contare: i fondi depositati all’interno del conto vengono custoditi da Treezor, una banca partner specializzata in protezione e sicurezza finanziaria.

Inoltre, dall’app dedicata è possibile abilitare e disabilitare determinati canali di pagamento, oppure bloccare o sospendere la carta immediatamente in caso di attività sospette.

 

Cosa si può fare con l’app Pixpay

Pixpay offre un’app con due interfacce distinte ma allo stesso tempo connesse tra di loro: una per il figlio e una per il genitore.

App per i genitori

L’app per il genitore consente di gestire tutti gli aspetti della carta per minorenni, dai limiti di spesa ai canali di pagamento autorizzati. Inoltre, sono presenti le seguenti funzioni:

  • notifiche in tempo reale sulle spese;
  • blocco e sblocco carta in un click;
  • versamento automatico della paghetta;
  • ricarica immediata;
  • monitoraggio del saldo in tempo reale.

Nell’app del genitore sono anche inclusi strumenti come la cogestione del conto, che permette a entrambi i genitori di controllare il conto del figlio, e la vista aggregata multi-figlio.

App per i ragazzi

L’app Pixpay per minori offre delle funzionalità pensate per incentivare il risparmio e l’educazione finanziaria, come i wallet progetti per tenere traccia degli obiettivi di risparmio, e la cassaforte remunerata, che consente di ottenere ricompense sui soldi accantonati.

Inoltre, è possibile personalizzare il proprio PIN, effettuare pagamenti contactless integrando la carta a Google Pay o Apple Pay e utilizzare l’IBAN collegato alla carta per farsi pagare dei lavoretti o effettuare trasferimenti di denaro.

 

Come richiedere la carta prepagata Pixpay

Richiedere e attivare la carta Pixpay è semplicissimo, in quanto la procedura può essere effettuata direttamente online senza dover caricare documenti particolari o soddisfare requisiti reddituali di alcun tipo.

La procedura è la seguente:

  1. recarsi sul sito ufficiale di Pixpay;
  2. cliccare su “ordina”;
  3. seguire la procedura, in cui verranno richiesti il numero di telefono e alcune informazioni sul genitore richiedente e sul minore;
  4. nel caso in cui la richiesta sia fatta da un minore, viene fornito un link da copiare e da inviare al genitore per l’approvazione;
  5. una volta completata la procedura, Pixpay procede all’invio della carta entro 5-7 giorni lavorativi.

Una cosa importante da notare è che non è obbligatorio cambiare banca, poiché lo strumento digitale si adatta a conti preesistenti e si usa completamente online.

 

Pro e Contro di Pixpay

La carta prepagata Pixpay per minorenni è uno strumento molto efficiente che offre ai ragazzi un certo livello di autonomia con la supervisione costante ma non invasiva dei genitori. I quali possono scegliere limiti di spesa e utilizzo.

La possibilità di accedere a strumenti con ricompense, sezioni con obiettivi di risparmio e strumenti aggiuntivi come il monitoraggio del livello di carbonio promuovono l’utilizzo responsabile dei fondi sul conto.

Al contempo, però, possono esserci alcuni svantaggi legati ai costi mensili del canone e alle spese aggiuntive fuori zona euro che potrebbero rendere il prodotto non adatto ad alcuni tipi di utenti. Vediamo un riassunto dei punti di forza e dei punti deboli di Pixpay.

Pro
  • Numerose funzionalità per genitori e ragazzi
  • Cassaforte remunerata
  • PIN personalizzabile
  • IBAN
  • Face ID
  • Monitoraggio in tempo reale per il genitore
Contro
  • Tempi di attesa lunghi per la consegna della carta
  • Canone mensile
  • Spese all’estero onerose

 

Assistenza clienti

Il servizio clienti di Pixpay rende disponibile un operatore in caso di dubbi o problemi legati all’utilizzo dell’app e della carta. L’assistenza è disponibile direttamente tramite app, ed è contattabile dal lunedì al venerdì con orario 09:00-18:00.

Le risposte sono molto veloci e avvengono sempre in giornata. In alternativa, per richieste particolari come la chiusura del conto, si può contattare l’indirizzo hello@pixpay.it. Pixpay non ha un numero di telefono.

 

Opinioni finali sulla carta Pixpay

Pixpay è senza ombra di dubbio un ottimo prodotto per chi cerca una carta prepagata per minorenni con un’applicazione intuitiva e adatta a tenere sotto controllo le spese dei propri figli.

D’altronde, anche le recensioni Trustpilot su Pixpay parlano chiaro: l’app è efficiente, il servizio è intuitivo e le funzioni disponibili permettono di gestire a 360° qualsiasi aspetto della carta e del conto digitale.

Alcuni limiti sono la mancanza di un canale di assistenza telefonico e l’assenza di un servizio di supporto disponibile 24/7. Allo stesso tempo, chi cerca una soluzione a zero spese potrebbe avere difficoltà con i costi di Pixpay, che prevedono comunque un canone mensile e delle commissioni aggiuntive su alcune operazioni.

In ogni caso, parliamo di un prodotto molto interessante per la gestione delle finanze dei propri figli.

Domande Frequenti su Pixpay

A quale banca si appoggia Pixpay?

Pixpay non è una banca, in quanto non vende alcun prodotto di risparmio, di credito o assicurazioni. Difatti, Pixpay è una società che mette a disposizione una carta prepagata con IBAN con circuito Mastercard, e collabora con partner esterni come Treezor per la protezione dei fondi.

La carta Pixpay può essere usata anche dai maggiorenni?

La carta Pixpay è pensata per essere utilizzata da utenti con età compresa tra i 10 e i 18 anni. Tuttavia, in caso di necessità, l’utente può utilizzare la carta anche una volta superati i 18 anni, considerando che anche il genitore potrà monitorare le attività tramite l’app.

La carta Pixpay è compatibile con Apple Pay?

Sì. La carta Pixpay è compatibile con i principali wallet digitali come Apple Pay e Google Pay per collegare la carta allo smartphone e pagare in modalità contactless senza l’utilizzo del PIN, sfruttando i servizi Touch ID e Face ID.

Bisogna cambiare banca per usare Pixpay?

No. Pixpay non è una banca, quindi non è necessario cambiare istituto bancario per richiedere la carta prepagata per minorenni.

Sono meglio i contanti o la carta per la paghetta settimanale?

Tutto dipende dalle proprie esigenze personali. I contanti sono utili anche per piccoli acquisti e sono utilizzabili ovunque, ma non è possibile sapere per cosa li spenderanno i ragazzi. Con la carta, invece, è possibile tenere traccia di tutti i movimenti e avere un maggior controllo sulle spese effettuate.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione nel rispetto del codice etico. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.