Riconoscimento Crediti Formativi Universitari: cosa sono e come ottenere CFU Extra

Guida al riconoscimento dei Crediti Formativi Universitari: cosa sono e come funziona il recupero di CFU da carriera universitaria o lavorativa pregressa.
Guida al riconoscimento dei Crediti Formativi Universitari: cosa sono e come funziona il recupero di CFU da carriera universitaria o lavorativa pregressa.

Cosa sono i Crediti Formativi Universitari (CFU)? I Crediti Formativi Universitari (CFU), sono fondamentalmente l’unità di misura che il sistema universitario utilizza per valutare l’impegno necessario a superare un determinato esame. Le Università telematiche riconosciute dal MIUR, così come gli Atenei frontali, privati e statali, utilizzano tutti il sistema dei CFU universitari, ad esempio per stabilire quando è possibile iscriversi all’anno successivo, o conseguire la laurea.

L’obiettivo per cui la riforma dell’Università del 1999 (D.M. 509/99) ha introdotto i crediti universitari era quello di dare un peso omogeneo al carico di lavoro richiesto ad ogni studente per una preparazione ottimale. Si è pensato quindi di attribuire ad ogni esame, compresa la prova di laurea, un certo numero di crediti formativi: l’Università effettua il calcolo dei crediti universitari sulla base di una valutazione che tiene conto del numero di ore che sono necessarie in media allo studente per superare la prova.

Per velocizzare la propria carriera di studenti, in caso di ripresa degli studi o di passaggio tra Università telematica e pubblica o viceversa, o qualora si siano frequentati dei master o altri corsi online (e non), è possibile richiedere il riconoscimento dei CFU pregressi. Per il riconoscimento dei CFU, le Università telematiche ti offrono un servizio di valutazione dei crediti universitari gratuito e senza impegno.

Se vuoi capire meglio i CFU universitari cosa sono e come funzionano, quali sono i vincoli imposti dalle Università telematiche e non, come farti riconoscere il maggior numero di crediti universitari, cosa sono i crediti universitari extra e come ottenerli, leggi questa guida pratica ai CFU che Punto Informatico ha realizzato per te: di seguito troverai tutte e informazioni che cerchi sul riconoscimento e l’ottenimento dei Crediti Formativi Universitari.

Per qualsiasi dubbio, inoltre, non esitare a contattarci tramite il form che trovi in questa pagina: i nostri esperti saranno lieti di aiutarti a capire come abbreviare il tuo percorso verso la laurea, online e non.

Argomenti in questa guida:

Come Funziona il Riconoscimento dei CFU (Crediti Formativi Universitari)

Come funziona il riconoscimento dei crediti formativi all’Università: secondo quanto previsto dal Decreto 509/99, art. 5, comma 7, come modificato dal D.M. n. 270 del 22 ottobre 2004, art. 5, comma 7, le richieste di riconoscimento dei Crediti Formativi Universitari devono essere valutate da un’apposita Commissione didattica. Tale valutazione non è vincoltante, dunque un volta ottenuto il parere della Commissione potrai anche decidere di non procedere all’iscrizione a quell’Università.

Ai sensi del decreto n. 509/1999, le Università telematiche e gli altri Atenei italiani hanno la possibilità di riconoscere crediti anche sulla base di comprovate conoscenze, competenze e abilità maturate in ambito lavorativo e professionale, con un tetto per il riconscimento dei crediti formativi (Legge Gelmini Art. 14) di 12 CFU.

Per il riconoscimento dei crediti il MIUR ammette infatti la possibilità di valutare, ai fini dei CFU, anche tipologie di eventi e attività formative extracurriculari. Più in particolare, puoi chiedere il riconoscimento dei crediti universitari in caso di:

  • attività formative precedentemente svolte in percorsi universitari, italiani o esteri;
  • CFU conseguiti all’estero nell’ambito di programmi di mobilità (studio o stage);
  • esperienze e abilità maturate in attività lavorative/professionali;
  • conoscenze e abilità maturate in attività formative di livello post secondario alla cui progettazione e realizzazione abbia concorso l’Università;
  • conoscenze e abilità certificate;
  • percorsi formativi di integrazione ai corsi di studio.

Un requisito fondamentale perché i crediti formativi siano riconosciuti è che essi siano coerenti con il percorso universitario scelto. Devi inoltre sapere che, visto che i piani di studio non sono identici per tutte le Università, anche iscrivendoti alla stessa Facoltà e corso di laurea che avevi frequentato a suo tempo, il riconoscimento dei CFU potrà differire anche di molto a seconda dell’Ateneo contattato.

Contattaci per essere sicuro di scegliere l’Università online che applichi il miglior riconoscimento dei crediti universitari per il tuo caso: ti guideremo gratuitamente nella procedura di riconoscimento creditizio, aiutandoti a trovare la soluzione più adatta al tuo caso specifico.

Calcolo dei Crediti Formativi Universitari: Valutazione e Riconversione

Per effettuare il calcolo dei crediti formativi universitari, le Università solitamente considerano 1 CFU “standard” corrispondente ad un impegno pari a 25 ore tra lezioni e studio a casa.

Per le Università, i crediti da esami universitari necessari al superamento di ciascun anno accademico sono solitamente pari a 60 CFU, mentre per conseguire la laurea vengono solitamente richiesti:

  • 180 CFU per la triennale;
  • 120 CFU per la magistrale/specialistica;
  • 300/360 CFU per le lauree magistrali a ciclo unico, a seconda che il ciclo sia di cinque o sei anni.

Ai fini del riconoscimento dei crediti, le Università, in caso di esami sostenuti presso istituzioni universitarie straniere, per la valutazione dei crediti formativi si basano su una tabella di crediti formativi universitari, o meglio sulle tabelle di conversione ECTS, il sistema europeo di trasferimento dei crediti, fornite dalle medesime Università.

Solitamente, 1 ECTS corrisponde ad 1 CFU. Le tabelle si utilizzano essenzialmente per la conversione delle votazioni, che all’estero potrebbero non essere espresse in trentesimi, secondo il seguente schema:

Gradi di votazioni conseguibili in cifreCorrispondenza in lettere
30/30A
29-27/30B
26-24/30C
23-20/30D
19-18/30E
17/30F

Puoi anche richiedere la riconversione creditizia on line: per sapere quale Università telematica effettua il un calcolo dei CFU più conveniente per il tuo caso specifico contattaci e ti offriremo la nostra consulenza gratuita.

Recupero dei Crediti Formativi Universitari

Il recupero dei crediti formativi universitari derivanti dall’attività universitaria pregressa, interrotta per vari motivi, familiari, personali o lavorativi, è il motivo più frequente per cui gli studenti chiedono il riconoscimento dei CFU.

Per richiedere il recupero dei crediti universitari saranno effettuate formali richieste a una o più Università, allegando tutta la documentazione richiesta. Solitamente, ai fini della pre-valutazione dei CFU, è sufficiente fornire un’autocertificazione attestante l’avvenuto superamento degli esami in cui siano indicati i nome dell’insegnamento, la data di sostenimento dell’esame, il voto, i CFU e i settori scientifico disciplinari. La Commissione valuterà il titolo dell’esame superato, il peso in CFU e il settore scientifico disciplinare (SSD) di afferenza, eventualmente chiedendo apposita documentazione che evidenzi i contenuti didattici degli insegnamenti oggetto del riconoscimento dei crediti universitari. In base alla documentazione prodotta, l’Università telematica valuterà quindi i requisiti di congruenza disciplinare e l’eventuale riconducibilità tra i SSD.

È anche possibile che per un esame vengano riconosciuti più o meno CFU di quelli originariamente previsti dal tuo vecchio piano di studi o che la Commissioni verifichi una congruenza parziale e che quindi ti proponga una convalida parziale dell’esame, chiedendoti di colmare in qualche modo il debito formativo.

Per quanto riguarda la votazione, in caso di corrispondenze non univoche viene fatta la media delle valutazioni ottenute, arrotondando per eccesso. In caso di convalide parziali, il docente del SSD del CdL di iscrizione terrà conto della valutazione precedente.

Riconoscimento CFU Lavorativi: Laurea e Crediti Formativi da Lavoro

Ai sensi del decreto n. 509/1999, gli Atenei italiani, comprese le Università telematiche, hanno la possibilità di riconoscere crediti per le attività lavorative/professionali svolte. Dunque se lavori, o hai lavorato, in un ambito coerente con il percorso di studi che vuoi intraprendere/riprendere, puoi richiedere il riconoscimento dei crediti formativi mediante il sistema VAE (validazione degli apprendimenti esperienziali).

Riforma Gelmini e riconoscimento CFU: la Legge Gelmini (Legge 30 dicembre 2010, n. 240) ha posto dei nuovi paletti al riconoscimento dell’esperienza professionale ai fini del conseguimento dei titoli di studio universitari. Se in origine era possibile vedersi riconoscere fino a 120 CFU per le esperienze professionali maturate, piano piano questo limite è stato ridimensionato e oggi il riconoscimento dei CFU (Riforma Gelmini Art. 14 – Disciplina di riconoscimento dei crediti) può essere concesso per le esperienze lavorative fino ad un massimo di 12 Crediti Formativi Universitari per ogni ciclo di studi di 5 anni.

La normativa prevede che il riconoscimento dei crediti lavorativi venga effettuato esclusivamente sulla base delle competenze dimostrate da ciascuno studente, escludendo forme di riconoscimento dei crediti formativi professionali attribuite collettivamente. In generale per il riconosciemento dei CFU da lavoro, l’Università ti può richiedere il certificato di iscrizione all’Albo professionale, o un certificato di dipendenza nel ruolo professionale di enti pubblici o privati, o di abilitazione all’esercizio della libera professione, o di iscrizione nel Registro dei Praticanti, nonché un curriculum professionale documentato e una relazione sull’attività lavorativa svolta.

Riportiamo di seguito alcuni esempi di possibili casi per i quali è possibile chiedere il riconoscimento dei CFU per attività lavorativa:

  • Riconoscimento crediti formativi dipendenti pubblici: i dipendenti pubblici possono chiedere la convalida dei crediti formativi relativamente ai progetti di formazione predisposti dai propri datori di lavoro e alle conoscenze e abilità certificate;
  • Riconoscimento crediti formativi geometri: coloro che sono in possesso di un diploma da geometra e sono iscritti all’Albo dei geometri possono richiedere la valorizzazione dell’esperienza maturata nell’esercizio dell’attività presentando istanza di riconoscimento dei crediti formativi universitari da lavoro;
  • Ai fini del conseguimento della laurea, tra i crediti da lavoro ammessi dalle Università, sempre entro il limite di 12 CFU, rientra anche il conseguimento da parte dello studente di una medaglia olimpica o paralimpica, oppure del titolo di campione mondiale assoluto, campione europeo assoluto o campione italiano assoluto nelle discipline riconosciute dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano o dal Comitato Italiano Paralimpico.

Crediti Formativi Universitari Extra: Come Ottenerli

È possibile ottenere dei Crediti Formativi Universitari extra per attività extra-universitarie, anche svolte mentre si frequenta il corso di laurea. Ad esempio dei crediti universitari extra possono essere richiesti:

  • per attività formative svolte nei cicli di studio presso gli istituti di formazione della Pubblica Amministrazione;
  • per le conoscenze e abilità maturate in attività formative di livello post-secondario alle quali un’Università pubblica o legalmente riconosciuta, quindi anche un’Unversità telematica riconosciuta dal MIUR, ne abbia concorso alla progettazione e alla realizzazione;
  • per attività formative extracurriculari realizzate in base a programmi approvati dall’Ateneo;
  • per conoscenze linguistiche, abilità informatiche e telematiche (ad esempio il certificato ECDL – European Computer Driving License), relazionali, o comunque utili per l’inserimento nel mondo del lavoro, inclusi i tirocini formativi e di orientamento, o stage;
  • a conclusione dei percorsi realizzati dagli istituti tecnici superiori nell’ambito dei progetti attuati con le Università;
  • per laboratori, tirocini, esercitazioni, seminari e convegni;
  • per lavori part time svolti all’interno dell’Ateneo.

Crediti Scolastici e Crediti Formativi extra-scolastici

Nota bene: i Crediti Formativi Universitari non vanno confusi con i crediti scolastici ed i crediti formativi per attività extrascolastiche. La procedura di riconoscimento dei crediti scolastici riguarda infatti l’attribuzione, a norma di legge, nel triennio conclusivo delle scuole superiori, di un punteggio basato sulla media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico, che si cumula negli anni e che costituisce parte del voto finale del diploma. Per le attività extrascolastiche è prevista l’attribuizione di un credito formativo, la validità dell’attestato e l’attribuzione del punteggio sono stabiliti dal Consiglio di classe.

Riconoscimento CFU da Master e Corsi Online

Lo studente che intenda cambiare il corso di studi o riprendere un percorso interrotto in precedenza, può richiedere anche il riconoscimento dei CFU per i master universitari conseguiti. Questa procedura risulta molto utile per abbreviare il percorso verso la laurea magistrale, se ti eri fermato alla triennale ad esempio, o qualora tu intenda prendere una seconda laurea triennale/magistrale, visto che i titoli di master possono essere conseguiti solo da coloro che sono in possesso di una laurea, per quelli di 1° livello, o di una laurea magistrale, vecchio ordinamento o a ciclo unico, per i master di 2° livello.

Sono validi, ai fini del riconoscimento dei CFU, i master conseguiti presso un’Ateneo riconosciuto dal MIUR. Questo significa che ti sono riconosciute le materie date su corsi on line se ad esempio frequenti un master presso una delle 11 Università telematiche accreditate.

In generale, il riconoscimento crediti dei master di 1° livello avviene con riferimento agli insegnamenti afferenti ad un corso di laurea triennale, mentre il riconoscimento dei crediti dei master per laurea magistrale o a ciclo unico è possibile nel caso in cui i CFU siano stati conseguiti in un master di 2° livello, molto però dipende dal piano di studi previsto dal corso di laurea al quale vuoi iscriverti. Per essere sicuro che l’Università ti riconosca il maggior numero di CFU possibile, non esitare a contattarci.

Riconoscimento Crediti CFU per la Seconda Laurea

Nel caso in cui tu sia già in possesso di una laurea e intenda prendere un’altra laurea, magari online – se già lavori e hai poco tempo a disposizione, puoi ricorrere alla procedura di riconoscimento dei crediti CFU per seconda laurea. La seconda laurea diventerà così più breve da raggiungere. Se sei già laureato, hai infatti la possibilità di chiedere la convalida della tua carriera universitaria pregressa per iscriverti a un secondo corso di laurea di livello pari o inferiore a quello già conseguito.

Se il corso di laurea al quale sei interessato prevede un test di ammissione, vincolante o meno, generalmente è necessario sostenere comunque tale prova d’ingresso, a meno che non si rientri tra i requisiti di esonero eventualmente previsti e indicati nei singoli bandi di ammissione ai corsi. Diverso il caso dei corsi di laurea online, visto che uno dei vantaggi delle Università telematiche è proprio che ti puoi iscrivere in qualsiasi momento dell’anno senza sostenere test di ingresso. Contattaci se vuoi avere ulteriori informazioni su come farti riconoscere i CFU della precedente laurea per iscriverti ad uno dei corsi di laurea telematici disponibili.

Riconoscimento CFU Massimo: Limiti del Riconoscimento Crediti

Esiste un limite al riconoscimento dei CFU: mentre puoi chiedere per intero la convalida della carriera pregressa universitaria, nei limiti dettati da ogni corso di laurea, per la carriera professionale il limite è stabilito per legge: massimo 12 CFU.

A limitare il riconoscimento di un certo numero di CFU è tuttavia anche il criterio di “obsolescenza” applicato da alcuni corsi di laurea: superato un certo periodo di tempo, solitamente 8/10 anni a seconda del settore scientifico disciplinare di riferimento, scatta la non riconoscibilità degli esami sostenuti prima della domanda di trasferimento. Per non perdere gli anni di studio passati ti consigliamo pertanto di non perdere tempo: se vuoi sapere se sei ancora in tempo per chiedere la convalida dei tuoi CFU contattaci e saremo lieti di darti una mano.

Come Presentare Istanza di Riconoscimento CFU

La convalida dei Crediti Formativi Universitari avviene su domanda del futuro studente interessato all’immatricolazione: la richiesta va presentata inviando istanza di riconoscimento dei CFU, compilando un modulo dedicato e differente per ogni ateneo. Si tratta fondamentalmente di moduli che dovrai compilare in ogni parte, tipicamente online per le Università telematiche, fornendo tutte le informazioni utili alla Commissione interna dell’Ateneo a valutare la tua carriera pregressa, universitaria o professionale.

Grazie al servizio offerto gratuitamente da Punto Informatico, potrai però essere seguito nella compilazione di un unico modulo e ottenere la pre-valutazione dei tuoi CFU anche da più atenei, senza la necessità di compilare più moduli. Contattaci tramite il form a fondo pagina per ricevere gratuitamente questo tipo di supporto.

Dopo la prima parte, in cui sono richiesti i dati anagrafici, nei form segue solitamente una parte in cui vanno indicati in modo dettagliato i titoli di cui si è in possesso e gli eventuali esami di profitto già superati in precedenti corsi di laurea, master universitari o corsi di formazione e/o perfezionamento universitari. Presta attenzione perché è molto importante distinguere tra:

  • esami del vecchio ordinamento, superati in ordinamenti istituiti prima dell’entrata in vigore del DM 509/1999, quindi prima che venissero istituiti i CFU;
  • esami del nuovo ordinamento, quindi superati dopo l’entrata in vigore del DM 509/1999 e caratterizzati da CFU e settore scientifico disciplinare (SSD).

Se le possiedi, dovrai inoltre dichiarare nel modulo di istanza di riconoscimento dei CFU anche eventuali competenze certificate, corsi di formazione/master non universitari, ed esperienze lavorative svolte.

Ti consigliamo di verificare attentamente le informazioni inserite nel modulo di richiesta di valutazione dei CFU pregressi, sia perché si tratta di una documentazione ufficiale ( in caso di informazioni errate o mendaci verranno applicate le sanzioni previste per legge, compreso l’annullamento del titolo di studio se verificate successivamente al suo conseguimento), sia perché dalla completezza delle informazioni inserite dipende l’esito della valutazione da parte della Commissione interna all’Ateneo.

Trattandosi di una procedura tanto delicata quanto articolata, per essere sicuro di non sbagliare e di vederti riconosciuti tutti i crediti universitari a cui hai diritto, contattaci senza impegno e ti guideremo gratuitamente passo passo nella compilazione dell’istanza di riconoscimento dei Crediti Formativi Universitari, in modo da fartene riconoscere il più possibile e abbreviare al massimo il tuo percorso verso la laurea.

Punto Informatico

Consulta gratuitamente i nostri esperti

Contattaci per ricevere gratuitamente informazioni su Atenei, Corsi di Laurea e Master Online dagli esperti di Punto Informatico: da più di 20 anni, gli specialisti del mondo digitale:


Acconsento all'uso dei miei dati da parte di terzi per finalità di marketing diretto con modalità automatizzate e tradizionali.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti