Uniswap (UNI): Prezzo, Valore, News | Guida all'investimento

Uniswap (UNI): Prezzi, Valore, News e Guide all'Investimento

Guida definitiva a Uniswap (UNI) Coin: come funziona, quotazione e andamento. Le ultime news e protocollo di scambio decentralizzato (DEX).
Guida definitiva a Uniswap (UNI) Coin: come funziona, quotazione e andamento. Le ultime news e protocollo di scambio decentralizzato (DEX).

Uniswap (UNI) fa parte della finanza decentralizzata, una branca del mondo crypto e blockchain che ha attirato l’attenzione di milioni di investitori in tutto il mondo. La DeFi, infatti, è uno dei rami con il più alto tasso di crescita degli ultimi anni, in grado di offrire agli utenti soluzioni finanziarie di alto livello.

A tal proposito, Uniswap rappresenta uno dei maggiori Exchange decentralizzati in circolazione, con volumi di trading giornalieri di oltre 1 miliardo di dollari. Ricordiamo che un Exchange decentralizzato non è altro che una piattaforma di scambio senza intermediari, ossia non gestita da aziende o società.

In questa guida approfondita su questa crypto vedremo nel dettaglio come funziona il protocollo e, in particolare, come funziona Uniswap token.

Cosa è Uniswap (UNI)

L’universo crypto di Uniswap nasce come protocollo decentralizzato peer-to-peer. Questo consente agli utenti di scambiare direttamente tra loro criptovalute di natura ERC-20, ossia monete virtuali che girano su blockchain Ethereum.

La peculiarità di una piattaforma del genere è quella di essere governata in maniera totalmente automatizzata, ossia tramite gli smart contract. In parole semplici, uno smart contract è una sorta di codice che permette di eseguire delle azioni rispettando determinate regole.

Sia le regole che le azioni sono definite dal codice. Di conseguenza, nel momento in cui uno sviluppatore crea uno smart contract, questo sarà immutabile e imparziale sulle decisioni. Da ciò nasce il concetto di pura decentralizzazione, che ha portato al mondo blockchain un livello di sicurezza decisamente maggiore.

Uniswap crypto: quando è nata e chi l’ha creata

Uniswap

Uniswap crypto non è stata lanciata subito dopo la distribuzione del protocollo. Infatti, il protocollo è stato lanciato per la prima volta sulla rete principale di Ethereum il 2 novembre 2018, mentre il token UNI è stato introdotto il 17 settembre 2020, tramite un Airdrop nei confronti di chi aveva già utilizzato il DEX.

Ai tempi, il mondo DeFi era ancora poco seguito, e gli sviluppatori stessi hanno raccontato di avere appena 200 follower su Twitter quando hanno distribuito il loro progetto (attualmente ne conta oltre 200mila). L’inventore è Hayden Adams, un ex ingegnere alla Siemens che, insieme al suo team di developer, ha creato la prima piattaforma di scambio decentralizzata al mondo.

Il progetto è stato presentato ufficialmente al Devcon 4, dopodiché Uniswap è stato reso disponibile a chiunque volesse collegarsi alla piattaforma.

Come funziona Uniswap token

Per quanto riguarda Uniswap token, bisogna prima sapere che esistono ben tre versioni del protocollo:

  • Uniswap V1
  • Uniswap V2
  • Uniswap V3

Com’è facile intuire, la V3 è l’ultima versione rilasciata, e rappresenta attualmente quella più gettonata in quanto i sistemi avanzati che la governano consentono agli utenti di godere di una migliore esperienza di utilizzo.

Per comprenderne il funzionamento, basta sapere il motivo per cui Uniswap differisce dai classici scambi tradizionali: la decentralizzazione. Difatti, il primo elemento che lo distingue è la presenza del cosiddetto AMM (Automated Market Maker). Esso differisce in quanto l’order book viene gestito in maniera automatica, senza la presenza di nessun intermediario. Allo stesso tempo, i sistemi permissionless consentono di operare senza nessuna autorizzazione.

Il lancio del token ha visto gli utenti ricevere 400 token UNI come premio per aver utilizzato l’Exchange (il valore al momento del lancio era di circa 1500 $). Da quel momento, il valore dell’intero ecosistema è cresciuto in maniera esponenziale, dati i casi d’uso della moneta. Questa, infatti, può essere usata per eseguire operazioni di yield farming, un metodo molto gettonato all’interno del mondo DeFi per ottenere interessi sul proprio capitale.

I detentori di Uniswap token, inoltre, possono votare sulle decisioni future del protocollo, con l’obiettivo finale di creare un sistema in cui nemmeno il team di sviluppo possa avere del potere decisionale, raggiungendo così la vera decentralizzazione.

Prezzo e andamento di Uniswap (UNI) oggi

Il prezzo di Uniswap oggi è più alto rispetto al suo valore iniziale, ma è decisamente più basso rispetto ai valori massimi raggiunti. Il suo valore al momento del lancio, infatti, era di circa 2-4 $, mentre da qualche tempo oscilla sotto i 10 $.

Tuttavia, in periodi di bull run il prezzo del token UNI è arrivato fin oltre i 40 $, creando dei ritorni economici importanti per chi ha detenuto i 400 UNI di Airdrop iniziali. Nel grafico mostrato in basso è possibile notare con i propri occhi come la quotazione di Uniswap sia variata molto nel tempo.

Il motivo, secondo diversi analisti, potrebbe essere la presenza di altri DEX innovativi che attirano gli utenti verso di loro. In ogni caso, è possibile vedere il grafico settando diversi timeframe in modo da ponderare le quotazioni della crypto Uniswap e fare le proprie previsioni in maniera efficiente.


*Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.

Dove comprare Uniswap (UNI)

Comprare token Uniswap può sembrare complicato all’inizio, in quanto serve avere un po’ di dimestichezza con i dispositivi mobili e il mondo blockchain.

La prima cosa da fare sarebbe quella di comprare la criptovaluta su Uniswap Exchange. Per farlo, bisogna avere un wallet decentralizzato come Metamask, che può essere collegato direttamente alla piattaforma.

Una volta collegati, bisogna inserire la cripto che si vuole scambiare nel riquadro in alto (es. USDT) e selezionare il token UNI nel riquadro in basso.

Inoltre, vanno considerate le commissioni di transazione, che dovranno essere pagate in Ethereum. Se si vogliono evitare tutti questi passaggi, però, è possibile affidarsi a degli scambi centralizzati, decisamente più intuitivi e accessibili per l’utente medio.

Exchange centralizzati

Se si vuole rimanere nel mondo crypto ma non si vuole accedere al ramo della finanza decentralizzata perché troppo complicato, la prima cosa da fare è munirsi di un Exchange centralizzato. Li è possibile comprare token Uniswap, come tantissime altre criptovalute, in maniera semplice e intuitiva.

Per i principianti, è consigliabile usare Binance, Coinbase o FTX in quanto presentano le commissioni più basse.

Broker Uniswap

Molto simili agli Exchange citati sopra, ci sono i broker per token Uniswap, in grado di fornire la possibilità di comprare criptovalute in maniera abbastanza immediata. Ci si registra, si depositano i fondi, e ci si può esporre ai prezzi di ogni asset senza commissioni.

L’unica differenza è che non si può spostare il token effettivo su una piattaforma decentralizzata, in quanto si opera con i CFD. I migliori broker UNI, a tal proposito, sono:

Commissioni maker/taker
Deposito minimo
Criptovalute disponibili
Conto demo
Commissioni:
0,1%/ 0,15%
Deposito minimo: 25€
Criptovalute: 50+
Conto demo: No
Commissioni:
zero
Deposito minimo: 100€
Criptovalute: 19
Conto demo:
Commissioni:
zero
Deposito minimo: nessuno
Criptovalute: 25
Conto demo:
Commissioni:
1%/1%
Deposito minimo: 50$
Criptovalute: 50+
Conto demo:
Commissioni:
0,5%/0,5%
Deposito minimo: 10€
Criptovalute: 30+
Conto demo: No
Commissioni:
zero
Deposito minimo: 10€
Criptovalute: 9
Conto demo: No
Commissioni:
3,90%/4,90%
Deposito minimo: nessuno
Criptovalute: 30+
Conto demo: No

*Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.

Valore Uniswap (UNI)/Euro

Qui sotto mostriamo un comodo strumento di cambio Euro/Uniswap, ottimo per controllare in tempo reale il controvalore della criptovaluta in valuta tradizionale. Selezionando Uniswap (UNI) EUR, si può sapere a quanti Euro corrisponde un certo numero di token UNI.

Viceversa, selezionando EUR/UNI, si può scoprire quanti euro servono per comprare un determinato ammontare di UNI.

Chi vuole scambiare Uniswap in EUR, potrà aspettare il momento migliore in base agli andamenti del mercato.

Come guadagnare con Uniswap (UNI)

In tanti si chiedono come guadagnare con Uniswap (UNI), dato che si tratta comunque di una delle principali criptovalute in circolazione, nonché una delle più apprezzate per la sua utilità e per la logica dell’ecosistema che la supporta.

Abbiamo già mostrato come sia facile investire in Uniswap sfruttando le migliori piattaforme centralizzate, i broker, e le piattaforme decentralizzate come lo stesso Exchange nativo del protocollo. Tuttavia, c’è ancora chi si chiede se sia possibile fare mining di token UNI in maniera semplice e veloce.

Questo non è possibile, in quanto il classico mining con schede video, come accade per Bitcoin, non permette di guadagnare nulla. Esiste, però, la possibilità di fare liquidity mining di token UNI e ottenere ricompense nel lungo termine.

Minare Uniswap token è possibile?

Minare Uniswap è possibile tramite le funzioni di liquidity mining del protocollo. Questo viene chiamato anche Yield Farming ed è un ottimo metodo per chi ha dei fondi disponibili. In poche parole, un Exchange ha bisogno di liquidità per consentire ai trader operazioni di scambio veloci e al miglior prezzo.

I fornitori di liquidità (Liquidity Provider), in questo caso, possono depositare i propri fondi su Uniswap Exchange, bloccandoli. In cambio, si ricevono ricompense, contribuendo allo stesso tempo al funzionamento efficiente del protocollo.

I token ricevuti si chiamano LP, e possono essere poi scambiati per l’effettivo Uniswap token. Tutto sarà proporzionato alla percentuale di share detenuta all’interno di una “piscina” (pool), in modo da distribuire le ricompense equamente ai fornitori di liquidità.

In particolare, le ricompense sono pagate grazie alle commissioni pagate dai trader al momento dello scambio. Ecco spiegato come minare Uniswap senza la necessità di fare trading. Ovviamente, per fare queste operazioni è sempre bene affidarsi ai migliori wallet Uniswap.

Wallet Uniswap (UNI) raccomandati

safepal wallet

Avere un Uniswap (UNI) wallet è di fondamentale importanza se si vogliono eseguire operazioni remunerative sfruttando le potenzialità della finanza decentralizzata. Un’operazione come quella del liquidity mining, per esempio, non può essere fatta da un Exchange o da un broker.

Ecco, quindi, che i wallet diventano cruciali per chi vuole veramente addentrarsi in questo mondo. Principalmente, esistono due tipi di wallet: gli hardware wallet e i non-custodial wallet.

I primi sono dispositivi fisici che permettono di detenere le proprie cripto in modo totalmente sicuro e offline, così da non poter essere vittime di attacchi hacker. I secondi, invece, sono decisamente più versatili e intuitivi, ma hanno il limite di essere offline e, quindi, più esposti ad eventuali attacchi.

Per quanto riguarda gli hardware wallet, è consigliabile usare uno dei seguenti dispositivi:

Facilità d'uso
Token supportati
OS supportati
Prezzo
Ideale per:
Media
Token supportati: 30.000+
OS supportati: Windows , Linux , Mac , Android , iOS
Prezzo: 49,99$
Ideale per:
Facile
Token supportati: 1.000+
OS supportati: Windows , Linux , Mac , Android
Prezzo: 72€
Ideale per:
Facile
Token supportati: 500+
OS supportati: Windows , Linux , Mac , Android
Prezzo: 231€
Ideale per:
Facile
Token supportati: 5.500+
OS supportati: Windows , Linux , Mac , Android
Prezzo: 59€
Ideale per:
Facile
Token supportati: 5.500+
OS supportati: Windows , Linux , Mac , Android
Prezzo: 79€
Ideale per:
Facile
Token supportati: 5.500+
OS supportati: Windows , Linux , Mac , Android , iOS
Prezzo: 149€

Si tratta, infatti, dei migliori hardware wallet per Uniswap (UNI) e tutte le altre criptovalute circolanti.

Chi vuole optare per un wallet online, più intuitivo e facile da configurare, invece, potrà usare:

Facilità d'uso
Costo Download / Commissioni
Token supportati
Metodi di Pagamento
Ideale per:
Facile
Costo Download / Commissioni: Gratis / 1%-3,99%
Token supportati: 500+
Metodi di Pagamento: Carta , Bonifico
Ideale per:
Facile
Costo Download / Commissioni: Gratis / Zero
Token supportati: 600+
Metodi di Pagamento: Carta , Bonifico

Anche Metamask è compatibile con numerose piattaforme come Uniswap Exchange ed è indicato per eseguire le operazioni di liquidity mining citate sopra.

Pro e contro di Uniswap (UNI)

Visto l’andamento di Uniswap token nel tempo, è normale chiedersi se ci siano ancora vantaggi nell’investire in questa criptovaluta, soprattutto durante momenti di ribasso. Ebbene, il protocollo può ancora offrire tantissime funzioni utili per gli investitori, ma allo stesso tempo le alte commissioni di transazione possono renderlo poco accessibile.

Pro
Contro
Pro
  • Ha condotto uno dei migliori Airdrop della storia, regalando 400 UNI agli early adopters
  • È uno dei protocolli più famosi, nonché uno dei primi DEX nella storia del mondo blockchain
  • È un progetto solido con alle spalle un team di esperti che rilascia nuove versioni ottimizzate per una migliore esperienza utente
  • Possibilità di accedere a soluzioni di liquidity mining
Contro
  • Commissioni molto alte per token ERC-20 rispetto a token che operano sulla Binance Smart Chain (BSC)
  • Sushiswap e Pancakeswap hanno offerto molte soluzioni convenienti per gli investitori, dando del filo da torcere a Uniswap
  • Dopo il picco massimo, il prezzo del token è sceso di molto senza dare nessun segnale di rialzo

*Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.

Conclusione

Le opinioni e recensioni riguardo a Uniswap (UNI) possono differire molto. C’è, infatti, chi sostiene fermamente l’utilità e le potenzialità dell’ecosistema, e chi lo vede ormai come superato in quanto non consente di operare su diverse blockchain, se non su Ethereum, Arbitrum, Optimism e Polygon.

La maggior parte dei DEX attuali, d’altronde, permette di operare anche su reti di ultima generazione come Fantom, Avalanche, Cosmos e Binance Smart Chain, coprendo di conseguenza una fetta più alta di investitori.

Tuttavia, il team di Uniswap rilascia spessissimo nuove funzioni, e la prossima potrebbe essere quella della compatibilità con nuove blockchain.

*Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Domande frequenti su Uniswap (UNI)

Conviene investire in Uniswap criptovaluta?

Investire in Uniswap conviene solamente nel momento in cui si conoscono le basi fondamentali del trading e del mondo blockchain. Questo vale soprattutto quando si vuole operare in DeFi con operazioni come quella del liquidity mining.

Quali competenze occorrono per investire in Uniswap?

Per investire su Uniswap Exchange bisogna conoscere le basi della finanza decentralizzata, tra cui i seguenti termini: smart-contract, LP, staking, farming, pool, APY e APR. Inoltre, bisogna avere un hot wallet come Metamask e dei fondi Ethereum per pagare le commissioni.

Qual è il valore iniziale di Uniswap?

Il valore iniziale di Uniswap si aggirava intorno ai 2 $ e 4 $, mentre subito dopo il lancio ha toccato i 5 $, passando a valori massimi di oltre 40 $.

Quanto conviene investire in Uniswap?

È molto più conveniente investire in Uniswap se si prendono in considerazione le possibilità di effettuare liquidity mining e ottenere ricompense. In questo modo, si può avere un maggior numero di token senza necessariamente comprarli.

Come posso spendere i miei token UNI?

I token UNI possono essere spesi all’interno dell’Exchange per comprare altre criptovalute, e sono accettati da altre piattaforme come mezzo di scambio.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 10 mag 2022
Link copiato negli appunti